Carmela e Giovanni: una storia d’amore made in Brooklyn

di MICHELA VALMORI Carmela era lì, seduta su uno sgabello del suo appartamento al quinto piano di un edificio di Brooklyn, mentre lavorava ai ferri una coperta per la sua sorellina ed aspettava che il padre facesse ritorno dal negozio. Poteva davvero essere chiamato “appartamento” quel posto sudicio? Era angusto e insopportabilmente caldo durante la …

Carmela & Giovanni: a Brooklyn love story

by MICHELA VALMORI She sat on the stoop of her five-story Brooklyn apartment, knitting a blanket for her baby sister as she waited for him to come home from the shop. Could she even call this place an apartment? It was cramped and unbearably hot under the July sun, each room warmer than the next …

Forse l’ultima Abisognio del mondo

di CALLI ABISOGNIO Abisognio deriva dalla parola “bisogno”, in inglese “need”. Una parola che descrive bene la mia famiglia, per tanti motivi. Non sappiamo quando il cognome è cambiato, sappiamo soltanto che sulla pagina web del sito Ancestry abbiamo trovato il nome del nostro antenato Pasquale Bisogno , in un documento datato 1915: a quei …

“You wanted to find Fiorito? Well, here it is”- an interview with Mike Fiorito

di VALENTINA DI CESARE Mike Fiorito is a writer, an Associate Editor for Mad Swirl Magazine and a regular contributor to the Red Hook Star Revue. His books are Call Me Guido (Ovunque Siamo Press), Freud’s Haberdashery Habits and Hallucinating Huxley (Alien Buddha Press).  What is your connection to Italy and to your origins?   My father’s family comes from Sala Consilina, which …

“Volevi trovare Fiorito? Beh, eccolo qui” -Intervista a Mike Fiorito

di VALENTINA DI CESARE Mike Fiorito è uno scrittore americano di origini italiane. Inoltre è redattore del “Mad Swirl Magazine” e collaboratore fisso di Red Hook Star Revue. I suoi libri sono Call Me Guido , edito da Ovunque Siamo Press , Freud’s Haberdashery Habits e Hallucinating Huxley , ambedue editi da Alien Buddha Press. …

Corda e sapone: le realtà di un paese dove il pane è soffice ma la vita è dura

di DOMENICA SANTOMAGGIO DIRAVIAM Il libro di Fabio Girelli-Carasi intitolato Rope and Soap: Lynchings of Italians in the United States (Bordighera Press), traduzione in lingua inglese dell’opera di Patrizia Salvetti Corda e Sapone: Storie di linciaggi di Italiani negli Stati Uniti (Donzelli editore) e il documentario Linciati: I linciaggi degli italiani in America (di M. …

Rope and Soap: Realities in a Land Where “The Bread is Soft But Life Is Hard”

by DOMENICA SANTOMAGGIO DIRAVIAM Fabio Girelli-Carasi’s, Rope and Soap: Lynchings of Italians in the United States (the English translation of Patrizia Salvetti’s work intitled Corda e sapone: storie di linciaggi di Italiani negli Stati Uniti) and the documentary, Linciati: Lynchings of Italians in America in jointly provide an enlightened understanding of the episodes of lynching …

“Il dio di New York”: Fontanella regala una seconda vita a Pascal D’Angelo

di ILARIA SERRA Scommettiamo quello che volete che chi ha letto Son of Italy di Pascal D’Angelo ed ora legge Il dio di New York di Luigi Fontanella, si domanda: Povero Pascal, sarai felice ora? “Povero Pascal,” perché il suo Son of Italy (tradotto in italiano dallo stesso Fontanella nel 2000 per Il Grappolo) racconta …

The concept of Indigenuity in Italian American Literature: interview with Fred Gardaphé

by MICHELA VALMORI Q: Italian American Literature, in the US, had to go through an impervious path to eventually find itself critically recognized by scholarship. What level of reception and interest, not just among academia, do you think it has now come to receive? A: It took a while for Italian American literature to be …

Il complicato riconoscimento critico della letteratura italoamericana: intervista a Fred Gardaphé

di MICHELA VALMORI “Quando chiesi a un professore se pensava che avremmo potuto studiare gli scrittori italoamericani nel modo in cui stavamo iniziando a studiare gli afroamericani, i latinoamericani, gli asiatici americani e altri gruppi, mi rispose con una risata e alcune lapidarie parole: “No. Loro sono bianchi”.  Potevamo anche essere bianchi ai suoi occhi, ma …