Chi siamo

La redazione

Calli Abisognio è nata il 20 giugno a New York e ha 21 anni. Vive a Boca Raton in Florida dove è studentessa presso la Florida Atlantic University e studia italiano. Le piace cantare,scrivere poesie, e vagare senza una destinazione precisa. 

Calli Abisognio was born on June 20 in New York and she is 21 years old. She lives in Boca Raton in Florida. She is a student at Florida Atlantic University, where she studies Italian. She likes singing, writing poetry, and wandering without a destination. 


Rosa Amatulli nasce in provincia di Bari, Puglia. A quindici anni, insieme alla sua famiglia, va a New York per un  breve periodo. Alcuni mesi dopo torna in Italia, e l’anno successivo è  di nuovo in volo per NY. Dopo alcuni anni di partenze e ritorni, la famiglia decide di stabilirsi definitivamente a Long Island, NY. Qui completa gli studi universitari: una Laurea in Letteratura Inglese e Scrittura Creativa, e un Master in Letteratura Italiana presso la Hunter College della City University di New York (CUNY). Poi un Dottorato  in Letteratura Comparata al Graduate Center della CUNY, con specializzazione sulla funzione etico-politica del ridere; il titolo della sua dissertazione è “The Politics of Laughter in Ariosto’s Orlando Furioso and Cervantes’ Don Quixote.”  Attualmente si interessa anche di Etica dell’Amicizia, in specifico quella di Aristotele e di Cicerone. Nutre profondo interesse per la narrativa e scrive numerosi short stories. Tuttora però,  i suoi personaggi rimangono al buio, nel fondo di un cassetto, in attesa di uno spiraglio di luce. Ha insegnato lingua e cultura italiana a Hunter College; ora insegna Letterature Comparate a Queens College (CUNY). Le sue tematiche di insegnamento includono  Umorismo e Satira, Forme e Funzioni della Narrazione, ed Etica dell’Amicizia. Ha tradotto articoli ed interviste, ha recensito libri di critica letteraria e romanzi, e ha contribuito a vari articoli su enciclopedie letterarie. Ha inoltre presentato il suo lavoro sulla funzione etica del ridere e dello Humor in occasione di numerose conferenze.

Rosa Amatulli was born in a small village nearby the city of Bari (Puglia, Italy). When she was fifteen years old, she traveled to New York with her family. A few months later they returned to Italy, but soon after they headed back to NY. This “back-and-forth” between NY and Italy went on a few years, until one day they decided to establish themselves on Long Island, NY. She earned a Bachelor of Arts in English Literature and Creative Writing at Hunter College of the City University of New York (CUNY), where she also received a Master’s Degree in Italian Literature. She completed her doctoral studies at the Graduate Center of CUNY, with a Ph.D. in Comparative Literature, and a dissertation on “The Politics of Laughter in Ariosto’s Orlando Furioso and Cervantes’ Don Quixote.”

Her areas of interest now include Ethics of Friendship; more specifically, Aristotle’s and Cicero’s ideas of friendship. She’s also very interested in writing short stories, and she has written quite a few. Her characters, however, piled-up in a dark corner of her desk’s drawer, have still not seen the light. For a number of years Rosa Amatulli has taught Italian Language and Culture at Hunter College; now she teaches Comparative Literature at Queens College (CUNY). Courses include such themes as, Humor and Satire, Forms and Function of Narration, and Ethics of Friendship.


Francesco Chianese è assegnatario di una Marie Skłodowska-Curie Global Fellowship per il progetto TRANSIT – Many Diasporas from One Transnational Italy (2020-22), da svolgersi presso Cardiff University e California State University, Long Beach non appena le condizioni lo consentano. A CSULB è stato stato Fulbright Scholar-in-Residence (2018-19) e ha insegnato letteratura e cultura italiana e italoamericana. Ha ottenuto diverse borse di ricerca, tra cui John F. Kennedy Institute Library Grant (2019), DAAD Short Research Grant (2015) e European Association for American Studies Travel Grant (2014), tutti presso il John F. Kennedy Institute della Freie Universität di Berlino. La sua ricerca è dedicata alle rappresentazioni letterarie e culturali della paternità e delle dinamiche familiari in Italia e negli Stati Uniti. Ha pubblicato il libro “Mio padre si sta facendo un individuo problematico”: Padri e figli nell’ultimo Pasolini (1966-75) (2018), e scritto sulle riviste Ticontre (2020), Italian Studies (2018), Between (2015; 2016) e nei volumi Italian Americans On the Page (di prossima pubblicazione), Italian Americans on Screen (2020), Italia Transculturale (2018),Scrivere tra le lingue (2017) e Harbors, Flows and Migrations: The USA in/and the World (2017), tra i vari. È membro dell’Executive Council della Italian American Studies Association, per la quale co-presiede la Ad Hoc Committee on Diversity, Inclusion, Anti-Bias, Anti-Racism.

Francesco Chianese holds a PhD in Comparative Literature from the University of Naples L’Orientale. His project TRANSIT—Many Diasporas from One Transnational Italy has been awarded a Marie Skłodowska-Curie Global Fellowship (2020-22) at Cardiff University and California State University, Long Beach. At CSULB, he also was a Fulbright Scholar-in-Residence and taught Italian and Italian American culture (2018-19). He was awarded a John F. Kennedy Institute Library Grant (2019), a DAAD Short Research Grant (2015) and an EAAS Travel Grant (2014) at the John F. Kennedy Institute, Freie Universität, Berlin. His research has focused on late modern literary and cultural representations of fatherhood and family dynamics in Italy and the United States. He published the book “Mio padre si sta facendo un individuo problematico”: Padri e figli nell’ultimo Pasolini (1966-75) (2018); and wrote on the journals Ticontre (2020), Italian Studies (2018) and Between (2015, 2016), and in the volumes Italian Americans on the Page (forthcoming 2021), Italian Americans on Screen (2020), Italia Transculturale (2018),Scrivere tra le lingue (2017) and Harbors, Flows and Migrations: The USA in/and the World (2017), among others. He is EC Member of the Italian American Studies Association, for which he co-chairs the Ad Hoc Committee on Diversity, Inclusion, Anti-Bias, Anti-Racism.


Michele Crescenzo legge e scrive, appena può. È nato a Napoli nel’77 dove si è laureato in Sociologia. Vive a Milano dal 2002, dove lavora in una multinazionale americana. Dal 2016 collabora con la libreria milanese Gogol&Company dove gestisce presentazioni di libri e reading letterari. Cura l’editoriale “Gotham’s Writers” sugli scrittori di New York sul quotidiano bilingue La voce di NewYork. Scrive recensioni per Satisfiction. Gestisce “Ti ho Rivista” tabloid sul mondo delle riviste indipendenti italiane. Nel tempo libero scrive: Nel 2009 ha vinto il Premio Chatwin, concorso internazionale sul viaggio. Ha pubblicato racconti per antologie e riviste letterarie (‘tina, Pastrengo, Talking Milano, Lettura la newsletter del Corriere della Sera).

Michele Crescenzo reads and writes as soon as he can. He was born in Naples in 1977, graduated in Sociology. He has lived in Milan since 2002, where he works in an American multinational. Since 2016 he collaborates with the bookshop Gogol & Company (in Milan) where he manages book presentations and literary readings. Each month he writes the column “Gotham’s Writers” on New York writers in the bilingual newspaper “La voce di NewYork”. He writes reviews for Satisfiction. He manages the tabloid “Ti ho Rivista” on the world of Italian independent magazines. In his free re time he writes: In 2009 he won the Chatwin Prize, an international travel competition. He has published short stories for anthologies and literary magazines (‘tina, Pastrengo, Talking Milano, Reading the newsletter of the Corriere della Sera).


Lisa Di Battista è una dottoranda in Letteratura comparata presso il Graduate Center, City University di New York.  È arrivata negli Stati Uniti nel 2019. Dal primo semestre è diventata insegnante di lingua italiana presso l’Hunter College, CUNY.  I suoi studi sono attualmente focalizzati sull’ecocitismo anche se il suo background originario è incentrato sulla poesia italiana contemporanea e la letteratura digitale.  Ha conseguito una laurea in Letteratura italiana moderna e contemporanea (2013) e un master in Italianistica, culture letterarie europee e linguistica (2017) presso l’Università di Bologna, Italia.Nel 2018, ha conseguito un secondo master in Web Marketing e Comunicazione Digitale presso l’Università degli Studi di Pescara.

Lisa Di Battista is a Ph.D. student in the Comparative Literature program at the Graduate Center, City University of New York. She arrived in the US in 2019. Since the very first semester, she became an Italian language instructor at Hunter College, CUNY. Her studies are currently focused on Ecociticism even though her background is on Contemporary Italian Poetry and Digital Literature. She earned a BA in Modern and Contemporary Italian Literature (2013) and a MA degree in Italian Studies, European Literary Cultures and Linguistics (2017) at the University of Bologna, Italy.In 2018, she earned a second master in Web Marketing and Digital Communication at the University of Pescara, Italy.


Valentina Di Cesare è la fondatrice di Strade dorate – Osservatorio di Letteratura e Cultura Italoamericana. Nata a Sulmona, ha conseguito una Laurea in Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e un Master in Filologia Moderna all’Università di Chieti. Si è specializzata in Didattica della Lingua Italiana a Stranieri all’Università per Stranieri di Siena. Vive a Milano, dove insegna Lettere nella Scuola Pubblica e Lingua italiana a studenti stranieri presso il Politecnico di Milano. E’ inoltre esaminatrice PLIDA per la Società Dante Alighieri. Ha pubblicato i romanzi Marta la sarta (Tabula Fati 2014) tradotto in lingua romena( Marta, croitoreasa, Aius, 2019) e in lingua tedesca ( Marta, Verlag am Sipbach ,2020 ), L’anno che Bartolo decise di morire (Arkadia, 2019) e il racconto lungo Le strane combinazioni che fa il tempo (Urban Apnea 2018) recentemente tradotto in inglese.

Valentina Di Cesare is the founder of Strade dorate- Osservatorio di Letteratura e Cultura Italoamericana. She was born in Sulmona. She earned a BA in Modern and Contemporary Italian Literature and a MA degree in Modern Philology at University of Chieti. She specialized in Didactics of Italian as a Foreign Language at Università per Stranieri di Siena. She lives in Milan and she teaches Italian Literature at Secondary School and Italian Language for Foreigners students at Politecnico di Milano. She also works for Società Dante Alighieri as examiner PLIDA. She wrote two novels Marta la sarta (Tabula Fati 2014) and L’anno che Bartolo decise di morire (Arkadia, 2019) and the long story Le strane combinazioni che fa il tempo (Urban Apnea, 2018), recently translated in english.


Anthony Dion Mitzel è nato a Youngstown, Mahoning County, in Ohio, nella Rust Belt degli Stati Uniti, nel 1977, lo stesso anno che ha visto l’inizio del declino dell’industria siderurgica della zona, un’industria che ha attratto migliaia di migranti italiani (tra gli altri) e che ha lasciato un segno indelebile nella cultura degli Stati Uniti. Attualmente è professore a contratto di linguistica, lingua e cultura presso l’Università di Bologna, dove lavora tra i Dipartimenti di Interpretazione e Traduzione e quello di Sociologia. È membro del comitato esecutivo dell’Italian American Studies Association. Si è laureato in letteratura alla Youngstown State University nel 2004 e ha conseguito un dottorato di ricerca presso University College London (UK) con una tesi dal titolo “Ephemerality and Authenticity: The Memes of Cultural Production in Italian Diasporic Culture”. I suoi scritti e le sue poesie sono stati pubblicati sia in inglese che in italiano, più di recente in VIA: Voices in Italian Americana. @anthonydmitzel @admitzel

Anthony Dion Mitzel was born in Youngstown, Mahoning County, Ohio in the Rust Belt section of the United States in 1977, the same year that initiated the decline of the area’s steel industry, an industry that brought thousands of Italian migrants — amongst many others — to the area leaving an indelible mark on the culture. He is an adjunct professor of linguistics, language and culture at the University of Bologna working between the Departments of Interpretation and Translation and Sociology. He is also currently an executive committee member of the Italian American Studies Association. He graduated from Youngstown State University in 2004 with a BA in literature and did is doctoral work at University College London (UK) with a PhD dissertation entitled “Ephemerality and Authenticity: The Memes of Cultural Production in Italian Diasporic Culture”. His writings and poetry have been published in both English and Italian, most recently with VIA: Voices in Italian Americana. @anthonydmitzel @admitzel


Emanuele Pettener è nato a Mestre e vive nella contea di Palm Beach, in Florida. Ha iniziato i suoi studi di dottorato a Purdue University (Indiana) e ha conseguito un Ph.D in Studi Comparati a Florida Atlantic University (Boca Raton, Florida) dove attualmente insegna lingua e letteratura italiana e ricopre il ruolo di “Writer in Residence”. È autore di numerosi racconti, traduzioni, articoli accademici pubblicati su riviste; di quattro romanzi: È sabato mi hai lasciato e sono bellissimo (Corbo, 2009), Proust per bagnanti (Meligrana, 2013), Arancio (Meligrana/Priamo, 2014) e Floridiana (Arkadia, 2021); di un saggio, Nel nome del padre del figlio e dell’umorismo. I romanzi di John Fante (Cesati, 2010); e, negli Stati Uniti, di una raccolta di racconti, A Season in Florida (Bordighera Press, 2014, traduzione di Thomas de Angelis). Ha curato il cinquantesimo numero della rivista letteraria Nuova Prosa (dal titolo Essere o non essere Italoamericani).

Emanuele Pettener was born in Mestre and lives in Palm Beach County, Florida. He began his doctoral studies at Purdue University (Indiana) and holds a Ph.D in Comparative Studies at Florida Atlantic University (Boca Raton, Florida) where he currently teaches Italian Language and Literature and is “Writer in Residence”. He is the author of numerous short-stories, translations, scholarly articles published in magazines; of four novels: È sabato mi hai lasciato e sono bellissimo (Corbo, 2009), Proust per bagnanti (Meligrana, 2013), Arancio (Meligrana/Priamo, 2014) and Floridiana (Arkadia, 2021); of an essay, Nel nome del padre del figlio e dell’umorismo. I romanzi di John Fante (Cesati, 2010); and, in the United States, of a collection of short-stories, A Season in Florida (Bordighera Press, 2014, translation by Thomas de Angelis). He edited the fiftieth issue of the literary magazine Nuova Prosa (entitled Essere o non essere Italoamericani).


Courtney Ruffner Grieneisen è professoressa di inglese allo State College of Florida. Ha studiato i Canti di Ezra Pound nel nord Italia e ha anche studiato e studiato Pound a Madrid, in Spagna. Ha pubblicato su Italo-Americana, Ezra Pound, Edgar Allan Poe, John Donne e Ida Lupino, e ha presentato il suo lavoro sull’Italianità e su Pound e Hemingway a livello nazionale e internazionale. Il suo lavoro su Donne è stato tradotto in portoghese ed è stato pubblicato sulla rivista brasiliana Revisto Espaço Académico. Ha conseguito il dottorato in letteratura e teoria presso l’Indiana University of Pennsylvania. È Vice Presidente del settore Marketing and Communications per l’Italian American Studies Association, Vice Presidente della United Faculty del Florida State College of Florida Chapter e Presidente del Faculty Senate dello State College of Florida.

Courtney Ruffner Grieneisen is a Professor of English at State College of Florida. She has studied Ezra Pound’s Cantos in northern Italy and has also researched and studied Pound in Madrid, Spain. She has published on Italian-Americana, Ezra Pound, Edgar Allan Poe, John Donne, and Ida Lupino, and she has presented her work on Italianity and on Pound and Hemingway nationally and internationally. Her work on Donne has been translated into Portuguese and has been published in the Brazilian journal Revisto Espaço Académico. She earned her doctorate in Literature and Theory from Indiana University of Pennsylvania. She is the Vice President of Marketing and Communications for the Italian American Studies Association, Vice President (immediate past President) of the United Faculty of Florida State College of Florida Chapter, and President of the Faculty Senate at State College of Florida.


Domenica Santomaggio Diraviam è una dottoranda in Letteratura comparata presso la Florida Atlantic University di Boca Raton, in Florida. I suoi studi sono concentrati sulla conservazione delle esperienze italoamericane tramite digital humanities. Ha collaborato sul progetto Italian American Memories Archive e ha curato una mostra virtuale dell’arte di Tom DiSalvo. Traccia la sua discendenza italiana attraverso le sue radici paterne in Abruzzo e le sue radici materne nelle Marche. La sua identità ibrida italoamericana deriva dal rimpatrio in Italia inizialmente da adolescente, poi come studentessa universitaria, e attualmente come coordinatore di viaggio studio per il suo istituto. Domenica unisce le sue passioni culturali e le sue attività accademiche con i suoi ruoli di senior progettista didattica, docente di italiano e madre dinamica.

Domenica Santomaggio Diraviam is a doctoral student in Comparative Literature at Florida Atlantic University in Boca Raton, Florida. Her interests focus on preserving the Italian American experience through Digital Humanities. She has collaborated on projects including the Italian American Memories Archive and curated a virtual art show of the works of Tom DiSalvo. Her Italian lineage is traced through her paternal roots in Abruzzo and her maternal roots in the Marche. Her Italian American hybrid identity stems from her repatriation to Italy initially as a teenager, later as a college student, and currently as a college study abroad coordinator. Domenica infuses her cultural passions and academic pursuits with her roles as senior instructional designer, adjunct language faculty, and active mom.


Ilaria Serra è nata a Venezia-Mestre. Ha ricevuto la laurea all’Università di Ca’ Foscari e ha continuato poi gli studi all’Università di California, Los Angeles, Purdue University e Florida Atlantic University. Attualmente è professore ordinario di Italiano e Studi Comparati alla Florida Atlantic University di Boca Raton. 

Oltre a numerosi articoli e saggi sul tema del cinema, la cultura e l’emigrazione italiana in America, ha pubblicato i volumi Immagini di un immaginario: L’emigrazione italiana negli Stati Uniti fra i due secoli:  1890-1925 (Cierre 1997), The Value of Worthless Lives: Writing Italian American Immigrant” (Fordham University Press, 2007, 2010) e The Imagined Immigrant. Images of Italian Emigration to the United States between 1890 and 1924” (Farleigh Dickinson University Press, 2009). Coordina i progetti digitali “Italian American Oral History Archive,” “Italian American Memories Documentary Archive” e “Floritalians,” in collaborazione con i suoi studenti. Nel 2008, ha fondato il programma estivo di FAU a Venezia che dirige ogni anno. Collabora con il Gallio Film Festival delle Opere Prime ed è giurata per I Will Tell International Film Festival di Londra. Dal 2020, è nel Consiglio Direttivo della Schola Cantorum of Florida, con cui adora cantare. 

Ilaria Serra was born in Venice-Mestre, and she graduated from Ca’ Fscari University, and then continued her studies at the University of California, Los Angeles, Purdue University and Florida Atlantic University. She is now Professor of Italian and Comparative Studies at Florida Atlantic University in Boca Raton.  Besides several articles and chapters on Italian cinema, literature and migration, Ilaria Serra has published the books, Immagini di un immaginario: L’emigrazione italiana negli Stati Uniti fra i due secoli: 1890-1925 (Cierre 1997), The Value of Worthless Lives: Writing Italian American Immigrant” (Fordham University Press, 2007, 2010), and The Imagined Immigrant. Images of Italian Emigration to the United States between 1890 and 1924 (Farleigh Dickinson UP, 2009).  She now coordinates the digital humanities projects, “Italian American Oral History Archive,” “Italian American Memories Documentary Archive” and “Floritalians,” in collaboration with her students. In 2008, she founded a six-week summer study abroad program in Venice, Italy, that she leads every year. She collaborates with the Gallio Film Festival delle Opere Prime and she is a Jury member for I Will Tell International Film Festival (London). Since 2020, she is in the board of director of Schola Cantorum of Florida, with whom she adores to sing.  


Michela Valmori è una ricercatrice esperta della Cultura e Letteratura Italo Americana. Ha condotto ricerca alla Goldsmiths University e alla King’s College a Londra, così come all’Università di Bologna. Durante l’anno accademico 2017/2018 è stata una Fulbright Visiting Lecturer all’Università di Notre Dame, dove ha potuto completare il suo libro memoir, sulle vicende migratorie della sua famiglia: “Rosa, la storia mai raccontata di una immigrata Italo americana e i suoi segreti nascosti”. Recentemente ha pubblicato in lingua inglese un paio di racconti per l’infanzia che condividono lo sfondo culturale Italo americano. 
Lavora da cinque anni all’Università di Bologna come Professoressa a contratto di Lingua 2 e la sua area di interesse si è ora estesa alle dinamiche di violenza di genere all’interno delle comunità migranti Italo americane.Michela è una professionista vivace, contestualmente impegnata nello studio delle metodologie didattiche della lingua 2 così come nell’attenta ricerca di tutte componenti che rendono la letteratura Italo americana così unica ed affascinante.

Michela Valmori  is a scholar of the Culture of Italian American Emigration and its Literary production; she  researched on the topic at Goldsmiths University London and King’s College London, along with the University of Bologna. In 2017/2018 Michela was a Fulbright Visiting Lecturer at the University of Notre Dame where she could complete the writing of her family memoir book, “Rosa, the untold story of an Italian American immigrant and her hidden secrets”. She has also recently published a few children’s books which all share an Italian American background.
She is currently working at the University of Bologna as a Language Instructor and her area of expertise has now included the patterns of gender violence within the immigrant Italian American communities at the beginning of 1900.She is a lively professional, synergically dedicated to the methodologies of language teaching as well as the thorough research of all the factors that render the Italian American universe so unique and fascinating. 


Angelo Zeolla è un poeta nato nel 1979 a Pelham Bay, nel Bronx, nella città di New York . Laureatosi in Studi italiani e Filosofia da CUNY Queens College, ha proseguito la sua specializzazione in Letteratura Italiana del ‘900 presso il Middlebury College fra il campus nel Vermont e la sede in via degli Alfani, nel centro storico di Firenze.
Oriundo italiano di origini campane , Angelo è statunitense di seconda generazione, proveniente da una famiglia contadina, della frazione di Decorata, comune di Colle Sannita in provincia di Benevento. E’ cresciuto in una casa bilingue e una quotidianità sospesa fra vari mondi linguistici: quello per la maggior parte anglofono bronxese della seconda generazione italo/americana oriunda nata in America , quello della prima generazione italiana, italofona, nata e cresciuta in Italia di estrazione contadina con un uso diffuso del dialetto e poi quello caratterizzato dalla lingua ibrida creata dall’incontro fra l’italiano e l’inglese detto “italiese”. La sua poesia rispecchia profondamente questo esistere fra più mondi linguistici e culturali.


ILLUSTRATORI E FOTOGRAFI

Barbara Di Bernardo è nata a Penne e ha studiato Architettura a Pescara. Si è laureata con lode nel 2014 e si è abilitata alla professione di Architetto nel 2015. Ha partecipato ai concorsi internazionali di progettazione ‘’Vision 42 New York Design Competition’’ e ‘’Guggenheim Helsinki Design Competition’’. Ha collaborato con l’Arci (Associazione Ricreativa e Culturale Italiana) nella rigenerazione di edifici dismessi e ha partecipato a diversi progetti di grafica, comunicazione visiva e interior design. Si è poi trasferita in Irlanda, dove ha lavorato come Graphic Designer per un atelier locale scoprendo la sua passione per il Pattern Design. Al momento lavora a Dublino come Architetto e ha recentemente creato Bidibì, un Progetto grafico nato per esprimere connessioni energetiche, impulsi istintivi, relazioni tra elementi dinamici e forme in trasformazione, attraverso schizzi di puro chaos emotivo.

Barbara Di Bernardo was born in Penne and she studied Architecture in Pescara. She graduated with Honours in 2014 and she became a Qualified Architect in 2015. She was involved in the ‘’Vision 42 New York Design Competition’’ and the ‘’Guggenheim Helsinki Design Competition’’. She collaborated with Arci (Italian Recreational Cultural Association) in the regeneration of historic buildings and participated in various graphic, visual and interior design projects. She then moved to Ireland where she worked as a Graphic Designer for a local atelier discovering her passion for Pattern Design. She is currently working in Dublin as an Architect and she has recently created Bidibì, a graphic project born to express energetic connections, instinctive impulses, relations between dynamic elements and shapes in transformation through sketches of pure emotional chaos.


Massimo Carulli nasce nel 1977. Inizia la sua attività di fumettista solo nel 2015, proponendo storie ambientate nella sua terra, l’Abruzzo.
 Il suo terzo racconto “Odio la Sevel” ha ricevuto il Premio speciale della Giuria tecnica al Festival letterario “Il dio di mio padre” di Torricella Peligna.  Ha pubblicato con le Edizioni Tabula Fati cinque graphic novel: Tùmass (2016), Abbasso Lega Nord (2017), Dolce titolo (2018), Pensieri eretici (2019) e I concerti rock non sono di lunedì (2020).

Massimo Carulli was born in 1977. It was not until 2015 that he behan his career as a writer of graphic novels, presenting stories set in his native Abruzzo. His third novel Odio la sevel (I loathe Sevel) received the Tecnical Panel Special Award at Torricella Peligna Literary Festival “The God of my father”. He has published five graphic novels with Edizioni Tabula Fati: Tumàss (2016), Abbasso la Lega Nord (Down with Lega Nord, 2017), Dolce titolo (Sweet title, 2018) , Pensieri eretici ( Heretic musings, 2019) and I concerti rock non sono di lunedì ( Rock Comcerts don’t happen on Mondays, 2020)


Simona Damiani nasce ad Ortona nel 1990 dopo aver conseguito il diploma in arti plastiche e pittoriche al liceo artistico statale G. Misticoni di Pescara, Dal 2011 decisa a proseguire il suo percorso artistico intraprende l’università di belle arti all’ Accademia Pietro Vannucci di Perugia che terminerà tre anni più tardi esattamente nel 2014, anno molto importante per la vita dell’artista; è proprio in quell’anno che inizieranno le partecipazioni a progetti e concorsi di livello internazionale, gran parte dei quali termineranno con riconoscimenti e premi e saranno proprio questi ultimi a consacrarla nel mondo dell’arte, spingendola ad ampliare i suoi orizzonti viaggiando tra Europa e America latina, viaggi che termineranno nel 2017 anni in cui insieme al collega e artista Claudio Carozza e alla collaborazione di Lisa di battista danno vita a un collettivo chiamato S.Cart Un movimento sensibile alla tematica dell’ambiente in particolar modo all’inquinamento dei mari creando opere d’arte dai detriti incontrati sulle coste restituiti dalle onde dando così una seconda vita a tutti quelli  scarti lasciati lì  a morire.

Simona Damiani, was born in Ortona – Italy, in 1990. Pietro Vannucci (Perugia) Fine Arts graduate in 2014, with a specialty in painting. Bachelor’s degree at G. Misticoni (Pescara). Involved in different projects both in Italy and abroad, often awarded top prizes at international known art contests. In 2017, Simona  and Claudio Carozza founded a new art collective: SCart, driven by the pollution problematic mainly by ocean contamination,  they started a series of art works recycling waste materials found at the seashore. What some might consider “garbage” they transformed into something to admire. Curated by Lisa di Battista, featured on local news media, lead to be chosen by their hometown city council to take charge in 2017’s nativity at Ortona. 


Giulia Polidoro è nata a Sulmona nel 1991. Laureata in Filologia, Letterature e Storia del mondo antico presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”,  concentra i suoi studi sul Teatro comico e sulla Filosofia antica. Dopo aver conseguito un Master in Management dei Beni Culturali, lavora in una Galleria d’arte contemporanea e partecipa all’organizzazione di eventi artistici a Firenze. Attualmente è docente di liceo e collabora a progetti di digitalizzazione della didattica.

Giulia Polidoro was born in Sulmona in 1991. She graduated in Classics at the University of Rome “La Sapienza” and focused her studies on comic theater and ancient philosophy. After earning a Masters in Management of Cultural Heritage, she worked in a contemporary art gallery and participated in the organization of artistic events in Florence. Now she is a high school teacher and collaborates on educational digitalization projects.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *